SECURITY & PRIVACY

Responsabile di Area:
Carlo Purassanta - MICROSOFT 

Referente: Sibilla Ricciardi
MICROSOFT

Coordinatore: Antonello Busetto
ASSINFORM

 
 

PREMESSA

La sicurezza informatica e la privacy sono diventati priorità per i governi di tutto il mondo. Attacchi informatici, la tutela dei dati e delle reti di interessi nazionali devono essere oggetto di una politica di Cyber Security strutturata. Governi, settore privato e  cittadini riconoscono a gran voce la necessità di un intervento regolatorio/tecnico per migliorare la sicurezza informatica e garantire l’utilizzo consapevole ed informato dei dati. Sono in gioco le libertà civili, i costi per la società civile e la crescita del sistema ICT.

 

Linee di intervento

  • Educare cittadini/imprese/PA relativamente alla natura del problema e alle tecniche atte a mitigarlo;
  • Fondare la strategia Associativa sull’incremento della domanda di ICT grazie all’uso di tecnologie sicure e capaci di tutelare al meglio i dati (privacy by design);
  • Creare alleanze forti con terze parti (associazioni consumatori, di settore, ABI…)
  • Essere un interlocutore autorevole e riconosciuto per il Garante, il CERT e le numerose organizzazioni governative di riferimento;
  • Essere un osservatorio privilegiato assieme al mondo accademico per il paese partecipando con informazioni strutturate al dibattito nazionale su security & privacy

LINEE PROGRAMMATICHE

  • Monitoraggio delle normative italiane ed Europee, nonché delle attività del Garante per garantire che i processi legislativi tengano presente il bilanciamento necessario tra garanzie dei principi fondamentali e la necessità di avere norme che siano globali by design e che si ispirino a principi quali: certezza, flessibilità, semplificazione del trasferimento di dati, neutralità tecnologica;
  • Garantire allineamento tra la tutela dei principi fondamentali e le esigenze di sviluppo tecnologico;
  • Sviluppo di un posizionamento pre-competitivo dell’Associazione e delineare specifiche linee di intervento per:
    • Costruire un piano di «educazione civica» del digitale
    • Formazione tecnologica delle Imprese e della PA
  • ​Elaborare un piano di comunicazione istituzionale e media (eventi e PR) con i principali alleati del settore al fine di diffondere consapevolezza sulla materia (social and targeted communication);
  • Costituzione di una «unità di crisi» associativa capace di essere attivata e messa a disposizione delle istituzioni pubbliche e private per operazioni di risk assessment ed interventi sulle infrastrutture critiche di rete per la PA.

WORKING TOOL

  • Lancio del Comitato Security&Privacy e condivisione delle line programmatiche al fine di raccogliere feedback e nuove idee;
  • Le anime del gruppo devono prevedere la partecipazione delle aziende dell’associazione con 3 tipi di figure:
    –  un lead sponsor dell’azienda su security & privacy
    –  una componente tecnica con un background tecnico
    –  un esperto di relazioni Istituzionali
  • Proporre al prossimo direttivo un piano di attività concrete;
  • Coordinamento con gli altri Comitati dell’associazione (domanda PA e impresa)

KPIs (key performance indicators)

  • Pubblicazione di un policy paper di settore che porti all’attenzione delle Istituzioni l’importanza della collaborazione con chi fa innovazione al fine di raggiungere il comune obbiettivo di creare un ambiente sicuro e in cui la privacy dei cittadini sia rispettata
  • Redazione di position papers sulla direttiva Network and Information  Security (NIS) e sul nuovo Regolamento Privacy da armonizzare con le attività di Confindustria Digitale
  • Presentazione di una campagna, attraverso gli organi Ministeriali che aiuti i cittadini a capire le tematiche di privacy e sicurezza.
  • Presentazione di una campagna in collaborazione con gli organi Istituzionali di Confindustria e le associazioni dei consumatori verso le imprese demistificando falsi miti e dando strumenti di comprensione e tutela per facilitare la digitalizzazione delle PMI e l’e-Commerce
  • Organizzazione di un convegno tra Istituzioni, Europe, esperti di sicurezza e  aziende dell’ITC al fine di condividere le best practice,  discutere la posizione dell’Italia in merito al Join Strategy Communication del Vice-Presidente Kroes

TEMPI E ATTIVITA'

 
 

 

 

 

 

   Anitec-Assinform
   Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
   P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

|   Powered by Kali, Corporate CMS